viaggi solidali in bici

I viaggi solidali in bici di Milena e Tiziano

4 Aprile 2018 1637 0 0

Cari Amici di Bikenbike, oggi a raccontarci la sua passione per la bici c’è Milena di Pietrantonio. Milena insieme al compagno Tiziano ha dato vita a Viaggi Solidali in bici. Tanti km percorsi in bici per sostenere progetti di solidarietà.

Ciao Milena e benvenuta sul Blog di Bikenbike. Raccontaci per iniziare qualcosa di te.

Ciao sono Milena, italiana nata in Svizzera, ho 59 anni e vivo a Verbania. Sono separata con due figlie e sono anche nonna. Ho fatto ragioneria e a seguire un corso di moda stilista e dal 2001 lavoro in un maglificio in provincia di Verbania.

Come e quando nasce la tua passione per la bici?

Sono sempre stata una sportiva, fin dall’adoloscenza. Praticavo atletica, tennis, pallavolo, corsa. Alla fine degli anni ’90 ho deciso di andare sempre di più in bici. Mi sono poi iscritta alla VERBIKE di Verbania e partecipato ad alcune Granfondo come la Milano-Sanremo e altre.

Poi ho scoperto le Randonee’ delle cicloturistiche a lunga distanza dai 200 km in su. Negli anni ho partecipato a molte randonneè e ad alcune NO STOP. Come la Parigi Brest Parigi 1250 km conclusa nel 2003 in 71 ore comprese le soste e nel 2005 la Londra Edimburgo Londra, 1450 km.

Fino al 2013 ho partecipo ad altre randonneè. Ma ho iniziato contemporaneamente ad affrontare sempre più spesso, viaggi organizzati da me.

Milena e Tiziano viaggi solidali in bicicletta

Milena e Tiziano

Quando e come hai iniziato a viaggiare in bici?

I primi viaggi in bici risalgono agli anni ’90. Il primo viaggio sopra i 1200 km nel 2004 Verbania / Sibenik (Croazia) e ritorno a Verbania.

Nel 2005 ho affrontato tutti i passi alpini: Gottardo, Furkapass etc. Un totale di 20000 metri di dislivello in 10 giorni e 1000 km.

Nel 2008 con Tiziano, il mio compagno, e Enzo, un nostro amico, abbiamo organizzato il nostro primo viaggio solidale in bici “Tre amici per la bici”. Partiti da Verbania, abbiamo raggiunto Capo Nord percorrendo 4750 km in 29 giorni. Io e Tiziano ci siamo andati in tandem.

Cosa aveva di “s0lidale” questa avventura?

Abbiamo creato un cartolina dell’evento e devoluto il ricavato in beneficenza.

Immagino che abbiate fatto tanti altri viaggi solidali in bici.

Si esatto. Nel 2009, per i miei 50 anni, ci siamo regalati un altro viaggio solidale in bici in Canada coast to coast  solo io e Tiziano, ancora in tandem. Una traversata di 5250 km in 31 giorni. Con il ricavato della cartolina abbiamo deciso di sostenere la ricostruzione della casa dello studente distrutta dal terremoto di quell’anno. E poi sono seguiti altri cicloviaggi, ogni anno una nuova cartolina e altri progetti da sostenere. Siamo stati in Russia, in Australia, nei Balcani e in molto paesi europei.

Hai una stima di massima dei km percorsi durante i tuoi viaggi solidali in bici?

Sì certo! 48000 km pedalati per solidarietà nel mese di agosto di ogni anno, dal 2008 al 2017.

Quanto avete raccolto con i vostri viaggi solidali in bici?

Circa 40.000€ con le cartoline e con qualche serata solidale.

Complimenti! Cosa avete in programma per quest’anno?

Quest’anno Capo Nord passando per Germania, Repubblica Ceca, Polonia, Lituania, Estonia, Finlandia, Norvegia.

viaggi solidali in bici

Hai mai viaggiato da sola in bici?

No, non ho mai fatto viaggi lunghi da sola in bici. Come detto, quasi tutti i viaggi solidali in bici sono stati condivisi con Tiziano. Solo nel 2008 siamo andati con un amico a capo nord e nel 2011 in islanda eravamo in 5: io, Tiziano, Enzo, Gigi, Franco.

Quali sono finora i ricordi e le esperienze in bicicletta più belli che conservi?

Ogni viaggio ha il suo perché. I ricordi sono milioni: incontri, natura, profumi, cibo, colori, culture, panorami. Non saprei dirti quali sono stati i più belli.

Ogni viaggio è una storia a se. Certo il primo viaggio a Capo Nord mi sono dovuta confrontare con tanta fatica. Ma sono stata ripagata in pieno da tutto ciò che mi circondava. I fiordi e la balenottera, le renne, le cascate, i ghiacciai, le nuove amicizie.

Quale il viaggio più lungo che hai fatto in bici?

Ad oggi il più lungo è stato Verbania Mosca Verbania, 6250 KM in 35 giorni con una media di 180 km al giorno. Un po’ una follia: ore ed ore trascorse sulla bici, caldo soffocante e la distanza tra un paese all’altro di decine e decine di km.

Cosa secondo te rende speciale un viaggio in bici?

Tutto è speciale quando sei seduta su una bici. Il vento che ti accarezza, il rumore delle ruote che girano, tutto ciò che ci circonda.

Che tipologia di ciclista sei e che bici possiedi?

Per i viaggi solidali in bici uso una Merida ibrida. Cambi leggeri, tripla corona, manubrio da mountain bike, portapacchi per le borse e via che si va.

Fino a qualche anno ero molto competitiva. Ora mi gusto ogni km. Amo la fotografia, per cui è un’occasione per scattare una foto.

Milena e Tiziano a Parigi

Il mondo della bici sembra raccogliere interesse crescente da parte delle nuove generazioni e delle amministrazioni. In generale, che futuro vedi per la ciclabilità in Italia?

Bhe! Qui apri una porta aperta. Sono vicepresidente di Biciincittà a Verbania. La sostenibilità è un argomento molto importante che stiamo portando avanti con molta fatica nella zona. Non ci sono molte piste ciclabili.

In generale credo che l’Italia ancora oggi non ami molto il ciclista. C’è molto lavoro da fare.

Per quanto riguarda il cicloturismo,come pensi si possa avvicinare a questa modalità di viaggio le persone? Per cicloturismo noi di Bikenbike intendiamo anche solo una escursione nella propria città e dintorni.

Mi auguro che si ritorni ad amare la bicicletta e non solo. Il modo di avvicinare le persone, le famiglie alla bicicletta è farla conoscere.

Noi organizziamo alcuni eventi, in programma anche per questa primavera.

Si tratta di pedalate tranquille adatte anche alle famiglie e che si svolgono su percorso su ciclabile. Abbiamo un sito dove è possibile trovare tutte le informazioni per partecipare.

Cosa ti senti di dire a chi non ha mai pedalato?

Pedalare, come camminare in montagna, da un senso di totale libertà. Ci si rigenera dallo stress. Si ride, si condivide, si creano sane amicizie e molto molto altro.

Quale parola associ immediatamente se pensi alla bicicletta?

LIBERTA’

 

 

Tags: cicloturismo, travel, viaggi in vici Categories: Bike Lovers
share TWEET PIN IT
Redazione Bikenbike

Gli articoli del nostro blog sono pensati e scritti da Matilde Atorino, CEO e founder di Bikenbike srl e grande appassionata di cicloturismo.

Related Posts
Leave a reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *