teresa e walter di pedalando verso sud

Pedalando verso Sud: bike and love.

28 Marzo 2018 1049 0 0

Cari Amici di Bikenbike, oggi ospitiamo nella nostra sezione Bike Lovers Teresa e Walter di Pedalando verso Sud. Sono una coppia nella vita e in bici. Insieme appena possono partono alla scoperta di nuove mete in bici.

Oggi vogliamo conoscere meglio il progetto “Pedalando verso Sud”. Viaggiare attraverso i racconti di chi ama la bici, ci rende felici quasi quanto un cicloviaggio in prima persona. Questi racconti inoltre possono essere di ispirazione per molti di voi. Perchè “la passione per la bici si attacca”.

Ciao Teresa e Walter, benvenuti. Innanzitutto raccontateci chi siete e come nasce la vostra passione per la bici.

Ciao Bikenbike! Siamo una coppia con la passione per la bicicletta, ognuno a modo suo.  Condividiamo anche la professione, siamo entrambi chinesiologi, laureati in scienze motorie e sportive. Quindi trascorriamo molto tempo insieme.

Teresa durante una gita in bicicletta

Teresa

Io Teresa, sono romana e anche un po’ calabrese. La mia famiglia è di origine calabrese ed io ho vissuto per quasi 4 anni a Cosenza per amore. Mi definisco una ciclista creativa perché dalla sella di una bici creo idee, pensieri e progetti.

Quando pedalo mi rilasso, respiro, mi lascio andare. Grazie alle “pedalate senza maps” ovvero senza una meta precisa, libero la parte più creativa di me. Mi gusto il piacere di pedalare, osservo e scatto foto.

La passione è nata 3 anni fa in un periodo di difficoltà dal punto di vista professionale. In quel momento ho deciso di concentrami su me stessa e su ciò che mi stava più a cuore. Ovvero l’attività fisica.

In quel periodo alternavo la palestra a camminate di gruppo e seguivo un corso di danza del ventre. Un giorno decisi, anche grazie a un suggerimento di Walter, di cambiare e dedicarmi alla bicicletta.

Mi si è aperto un mondo già dalle prime pedalate. L’andare in bici mi ha avvicinato ancora di più ad altre cose che amo: la natura e la fotografia. Poi ho iniziato a giocare con i miei limiti e paure. Ho iniziato con una bici da passeggio senza cambio e poi ho incontrato la bici da corsa. E’ iniziata la passione che è in continua evoluzione e mi sono avvicinata molto alle gite in bicicletta e al cicloturismo. E per il mio trentesimo compleanno mi sono voluta regalare un viaggio di 4 giorni in bicicletta con Walter.

Walter e Teresa di Pedalando verso Sud

Walter e Teresa di Pedalando verso Sud

Io Walter, fisioterapista e chinesiologo, sono ciclista da una vita. Ho iniziato a correre in bici sin da bambino. Sono stato un atleta ed ho corso in bicicletta fino ai dilettanti. Poi ho fatto altre scelte di vita e la bicicletta è stata messa a riposo. Mi sono dedicato ad altri sport. Anch’io quasi 4 anni fa decisi di riprendere la bicicletta per puro divertimento. Ho riiniziato comprando una bici da corsa che è da sempre la mia passione. Le uscite sono aumentate giorno dopo giorno e ho partecipato anche a qualche gara amatoriale. Ma poi ho cominciato a sperimentare altro. Le uscite insieme a Teresa, le pedalate quotidiane per andare a lavoro e fare spesa. E il cicloturismo, la mia ultima passione. Tra l’altro sto organizzando un viaggio in bikepacking dalla Germania, dove abitiamo, fino a Roma.

Quando e come nasce il progetto “Pedalando verso sud”?

“Pedalando verso sud” nasce in una pizzeria italiana in Baviera, dove abitiamo e lavoriamo da quasi 2 anni. Quel giorno parlavamo di biciclette e attività motoria. Mettevamo a confronto il sud della Germania con il sud Italia e da questo mix di argomenti è nato il nome “Pedalando verso sud”. Per noi racchiude un po’ tutti i nostri sogni e desideri. Ci piacerebbe attraverso il blog far passare un messaggio fondamentale per lo stile di vita. Essere attivi, scegliere il movimento, l’attività fisica e l’allenamento come parte integrante della propria vita.

Un altro sogno è vedere un sud Italia più ciclabile. E soprattutto più persone che pedalino come vediamo qui in Germania. Vorremmo contribuire a questo.

Veniamo dal sud Italia e in questo momento viviamo al sud della Germania. Comparando i 2 sud ci siamo accorti che c’è molto da fare. La cultura del pedalare che c’è nel nord Europa può migliorare lo stile e la qualità della vita.

Il cicloturismo è davvero una grande risorsa. Con tutte le nostre bellezze e la nostra storia, in Italia si potrebbe pedalare per un anno intero senza fermarsi mai.

biciclette durante una escursione in bici

Come scegliete le nuove mete da percorrere in bici?

Innanzitutto dove abitiamo c’è l’imbarazzo della scelta in quanto a piste ciclabili. Scegliamo le nostre mete cercando di visitare luoghi di cultura o semplicemente per godere delle bontà enogastronomiche del luogo. Utilizziamo molto la rete e tutte quelle app che ci consentono di rendere il viaggio quanto più scorrevole e organizzato possibile. Negli ultimi due anni le nostre mete sono state le colline bavaresi. A novembre abbiamo pedalato da Bressanone a Verona sulla Ciclopista del Sole. La nostra prima esperienza di cicloviaggio di più giorni.

Sui social vi seguono solo persone che già amano la bici o riuscite ad attirare l’attenzione anche di chi ancora non pedala?

Comunichiamo da poco tempo sia sui social –Facebook e Instagram-che attraverso il nostro Blog. Ci seguono sia persone che amano la bici ma anche chi non pedala. Desideriamo attirare l’attenzione di tutte quelle persone che non utilizzano la bicicletta. E attaccargli la nostra passione!

Il vostro progetto è diventato per voi un lavoro o è un bellissimo hobby? Avete sponsor?

Abbiamo iniziato per passione e divertimento. Per noi, soprattutto sui social è un campo completamente nuovo. Sappiamo che c’è da studiare per poter arrivare in maniera diretta alle persone. Ci stiamo mettendo tanto impegno, divertendoci ovviamente. Per ora è un hobby ma vorremmo che diventasse qualcosa di più, magari anche un lavoro. Anche se di lavoro non si tratterebbe visto che ci divertiamo ogni volta che parliamo o utilizziamo la bici. Non abbiamo sponsor veri e propri ma solo uno sponsor tecnico che ci seguirà per i nostri viaggi.

Che biciclette utilizzate per viaggiare?

Viaggiamo con le nostre bici da corsa ma ci stiamo attrezzando con bici specifiche per il cicloturismo. Ma per le gite del fine settimana spesso utilizziamo le bici che usiamo tutti i giorni per andare a lavoro o fare la spesa.

Quali credete siano le resistenze delle persone all’idea di compiere un viaggio in bici?

Crediamo che le persone vedano nella bici solo qualcosa di faticoso. Immaginano le corse in bicicletta e le scalate di una montagna. Secondo noi il viaggio in bicicletta viene visto come qualcosa di poco rilassante e di epico. Sappiamo benissimo, sia noi che voi di Bikenbike, che non è così. Il viaggio in bici è anche un modo per riscoprire posti vicini magari trascorrendo del tempo persone condividono la stessa passione. Basta un panino, uno zaino in spalla e pedalare 2 ore anche nei dintorni di casa propria per notare tutte le sfumature che durante la vita di tutti i giorni ci sfuggono. Tutto questo grazie alla bici e senza una grossa fatica.

Bici a Pistoia

Il mondo della bici sembra raccogliere interesse crescente da parte delle nuove generazioni e delle amministrazioni. Voi che futuro immaginate per la ciclabilità in Italia?

E’ il momento del “ora o mai più”. Noi pensiamo che gli investimenti delle istituzioni ma anche delle singole persone debbano essere fatti in questa direzione. C’è solo da guadagnarci, in tutti i sensi. Qui Germania tutti, da 0 a 99 anni, vanno in bicicletta. Anche gli automobilisti sono molto attenti ai ciclista, perché all’ 80% di chi guida l’auto è anche un ciclista.

Oggi scegliere la bicicletta è anche una scelta etica. Una scelta di attenzione verso sè stessi e l’ambiente. Confidiamo molto nelle nuove generazioni che pian piano stanno tornando a porre l’attenzione verso il proprio stile di vita, l’ambiente e le relazioni. Noi speriamo che nei prossimi anni tutti gli sforzi fatti finora per rendere l’Italia più ciclabile, diano i loro frutti. Basta un po’ di buon senso e capire che bisogna condividere gli spazi con gentilezza e rispetto. Qui le macchine aspettano dietro senza suonare e quando c’è lo spazio superano. Ovviamente l’eccezione in negativo c’è ovunque in qualsiasi posto del mondo. Ma avvertiamo una sensibilità maggiore. Possiamo riuscirci anche in Italia.

Per quanto riguarda il cicloturismo, come pensate si possa avvicinare a questa modalità di viaggio le persone?

Noi crediamo che siano importanti le infrastrutture, non solo le piste ciclabili ma anche strutture per la ricettività del ciclista. Ristoranti, alberghi, musei. Se si offre alle persone la possibilità di vivere un’esperienza a 360° in sella ad una bici, crediamo che non ci saranno difficoltà a vedere sempre più persone scegliere questo modo di viaggiare.

Cosa pensate di Bikenbike? Secondo voi la nostra piattaforma può essere utile per chi già ama la bici e per chi vuole avvicinarsi ad essa.

La bici è un mezzo di aggregazione e socializzazione. Basti pensare a quando si incontra un ciclista per strada e ci si saluta senza nemmeno conoscersi. Detto questo la vostra piattaforma è estremamente utile per creare relazioni. E’ utile anche per chi, non conoscendo i luoghi dove andrà a pedalare, si affida a qualcuno che vuole condividere il proprio tempo e la propria strada. Veramente fantastico.

Cosa vi sentite di dire a chi non ha mai pedalato?

Credo che ognuno di noi abbia una bici in cantina, magari ferma da tempo, solo con le ruote sgonfie. Bastano pochi minuti e pochi euro per rimetterla a posto e pedalare. I benefici si faranno sentire in poco tempo e allora sarà difficile poi riabbandonarla. Per cui attenzione, può creare dipendenza.

Quale parola associate immediatamente pensando alla bicicletta?

Walter: LIBERTA’. Assolutamente. Dal primo giorno che sono salito su una bici, la prima sensazione è stata di libertà. E’ come volare senza ali e ancora oggi per me è così.

Teresa: VERSATILITA’. Con la bici riesco a fare cose estremamente diverse. Dal divertirmi al muovermi più velocemente in città per andare a fare la spesa o a lavorare. Non solo, in bici posso allenarmi e contemporaneamente godermi il paesaggio intorno a me. Fantastico.

Grazie ragazzi! Ci vedremo presto “pedalando verso sud”!

 

Tags: bike, ciclabili, cicloturismo, cicloviaggio tour, germania, italia, pedalando verso sud Categories: Bike Lovers
share TWEET PIN IT
Redazione Bikenbike

Gli articoli del nostro blog sono pensati e scritti da Matilde Atorino, CEO e founder di Bikenbike srl e grande appassionata di cicloturismo.

Related Posts
Leave a reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *